De Fuel

De Fuel è un innovativo sistema di trasformazione di materiali plastici mediante un processo di depolimerizzazione termo-catalitica che permette di ottenere olio combustibile a costi contenuti. Utilizzando quale materia prima imballaggi, scarti di lavorazione e rifiuti urbani, l’impianto è in grado di produrre olio combustibile paraffinico con una resa ottimale pari ad un litro di olio combustibile per ogni chilogrammo di plastica introdotto.

Le materie prime di partenza per l’alimentazione dell’impianto De Fuel sono costituite da plastiche composte da:

   Polietilene (HDPE e LDPE)

   Polipropilene (PP)

   Polibutadiene (PBD)

   Polistirene (PS)

L’olio combustibile che si ottiene dall’impianto De Fuel ha un potere calorifico inferiore (PCI) maggiore di 40000 kJ/kg, privo di zolfo e pronto per essere utilizzato per produrre energia elettrica e/o termica.

De Fuel è stato messo a punto da Demont nel triennio 2010-2013 totalmente all’interno dell’azienda ed è frutto di un lungo processo di ricerca, sviluppo e industrializzazione

L’impianto De Fuel è composto da moduli di dimensioni contenute pari a quelle di un container standard da 20 piedi e quindi movimentabili mediante trasporti ordinari. L’impianto nel suo complesso è composto da tre moduli di cui due posizionati a terra e uno sovrapposto ai precedenti. L’installazione di De Fuel non richiede opere civili significative e necessita di spazi contenuti normalmente disponibili all’interno di impianti esistenti. Tutto ciò si traduce in tempi di installazione estremamente limitati.

Gli indici macroeconomici relativi a De Fuel evidenziano un investimento estremamente attrattivo, caratterizzato da un periodo di ritorno molto breve e da un indice di rendimento (IRR) di assoluta rilevanza.

LE RESE DI IMPIANTO

Di seguito si presenta la sintesi del bilancio complessivo normalizzato su 100 kg di poliolefine in entrata. La variazione dei valori sui prodotti ottenuti è il risultato dalle prove effettuate in condizioni diverse di alimentazione e temperatura.

MATERIE PRIME IN ENTRATA IMPIANTO:

– Poliolefine secche = 100 kg

– Catalizzatore = 2-5 kg

PRODOTTI E SOTTOPRODOTTI IN USCITA IMPIANTO:

Olio combustibile = 70-85 kg

Gas non condensabile = 10-20

Residuo Solido = 5-10

Considerando la diversa composizione della carica di alimento, gli errori di misura, il materiale  ancora all’interno del sistema, l’umidità della plastica in entrata e la componente del catalizzatore inerte presente nel sottoprodotto solido uscente dall’evaporatore, si ottengono le seguenti rese con un errore del ±10%:

80

RESA IN OLIO

15

RESA IN GAS

5

RESA IN CARBONE (CATRAME)

CONSUMI ENERGETICI PER TRATTARE 100 kg DI MATERIA PRIMA

45 kWh

SISTEMA DI CARICO ED ESTRUSORE

40 kWh

MISCELAZIONE E REATTORE

10 kWh

ALTRI CONSUMI (POMPE E RAFFREDDATORI)